Civita di Bagnoregio

Sentieri per trekking e mountain bike lungo la Valle dei Calanchi, tennis e centro sportivo polivalente al coperto.

I dintorni di Bagnoregio sono molto interessanti: chi proviene da Viterbo per la strada provinciale Teverina si trova subito immerso nel verde dei boschi di querce di Carbonara (paradiso dei cercatori di funghi) e dei castagneti, mentre tutt’intorno allo sperone di tufo che accoglie Civita si trova il Parco dei Calanchi, costituito dai residui dei fenomeni erosivi. Su questo terreno di sabbie inerti non crescono alberi né arbusti: ne deriva pertanto un paesaggio irreale, dall’aspetto tetro e inospitale ma di forte impatto. Ma un po’ tutto il paesaggio della Tuscia è caratterizzato da questi plateaux di roccia vulcanica porosa e facilmente erodibile. Felci e muschi ammantano le rosse rocce di tufo che spesso nascondono gli ingressi di antichi sepolcri (etruschi, altomedievali) ormai dimenticati.

Una città suggestiva, che non ti da modo di far riposare la macchina fotografica o qualsiasi mezzo utile per immortalare un momento


Arianna

…e cammina cammina…

Trovo questa insegna, entro, chiedo e mi accolgono con grande disponibilità.

Tavolo per 4, dove tutti hanno mangiato come me…

Una prova di Amicizia e di Amore è quella che chi si siede con te, chi condivide con te chiacchiere e risate condivide anche il pane.

Celiaca felice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *